mercoledì 22 ottobre 2014

Nenia della nebbia


"Nègia che te nega
a l'è 'na nave che affùnda
Nègia che te s'arve
a l'è 'na nave che a parte"


Questa cantilena, purtroppo tramandata a voce (mancano quindi alcune parti) la si usava recitare al risveglio, se, durante il sonno si sognavano navi o nebbie, considerate di cattivo auspicio.
Si recitava davanti ad una fonte o ad un troggiù. 





Nessun commento:

Posta un commento