lunedì 17 febbraio 2014

Finocchio e Papavero. U maìu nu ti perdi.



Una Domenica grigia di inizio Autunno io e mio marito decidemmo di pranzare fuori.

Così andammo a Pieve, un meraviglioso paesino incastonato tra campagna e mare. Ci attirò un profumo di castagne e pane cotti con fuoco a legna e decidemmo così di fermarci alla vecchia locanda.

Giunti sazi al caffè e pronti per il congedo ci alzammo ma, proprio in quel momento, una signora molto anziana si fermò davanti a noi e con fare scherzoso si rivolse a me dicendo:" Ti ghè nù maìu che u l'è bellù, ti sè cumme ti devi fa pe teneilu strettu?"

Io, ridendo (vedendo anche il ghigno imbarazzato del mio consorte) le risposi che non mi ero mai posta il problema del "riuscire a tenerlo".

La signora in questione continuò, dicendo che la propria muè aveva una ricetta per far si che il proprio marito tornasse sempre da lei.

Continuò il discorso in genovese stretto dicendo: " Ti impasti un pan, ti u s'è fà tie u pan, tie che te vegni da sittè?"

Alla mia risposta affermativa, sul saper fare il pane, la donna mi trovò simpatica.

Si sedette quindi tra me e mio marito e cominciò a parlare pacatamente sempre in genovese stretto:" Se u tò maìu u va a pigiane in giu, ti devi, pè falu turnà, preparaghe un pan de fenna dua, con unna mancià de semmi de finoggiu.

Se tò maìu zoga fin a nòtte funda e nu te amìa ciù ti devi impastà un pan cun a fenna dua e una mancià de semenza de papavìu. Ti vediè bella suenotta..."


Fonti:

La Signora in questione è l'ottantasettenne Ginetta. La ringrazio ancora per la simpatia che ci portò ad un ora ininterrotta di risate.

Per l'immagine:
Nella foto Pieve all'inizio del 1900

Traduzioni:

"Ti ghè nù maìu che u l'è bellù, ti sè cumme ti devi fa pe teneilu strettu?"
"Hai un bel marito, sai come devi fare per tenertelo?"

" Ti impasti un pan, ti u s'è fà tie u pan, tie che te vegni da sittè?"
"Impasta un pane, sai fare il pane, tu che vieni dalla città?"

" Se u tò maìu u va a pigiane in giu, ti devi, pè falu turnà, preparaghe un pan de fenna dua, con unna mancià de semmi de finoggiu."
"Se tuo marito va a prenderne in giro, devi, per farlo tornare, preparargli un pane di farina dura, con una manciata di semi di finocchio"

"Se tò maìu zoga fin a nòtte funda e nu te amìa ciù ti devi impastà un pan cun a fenna dua e una mancià de semenza de papavìu. Ti vediè bella suenotta..."
"Se tuo marito gioca fino a notte fonda e non ti guarda (tocca) più devi impastare un pane di farina dura con una manciata di semi di papavero. Vedrai poi bella ragazza"











Nessun commento:

Posta un commento